Consumo di pesce e rischio di diabete: due fattori strettamente collegati
14 maggio 2019

Il dr. Michael Greger, medico esperto in nutrizione plant-based, spiega, in una delle tante video-conferenze del suo sito informativo "Nutrition Facts", il legame tra consumo di pesce e rischio di diabete: consumare pesce, anche in quantità non elevate, aumenta il rischio di sviluppare il diabete e, in chi è già malato, aumenta il rischio di complicanze. In particolare questo si verifica per il pesce grasso, come il salmone (specie se d'allevamento), proprio quello che si consiglia di consumare per i suoi contenuti di omega-3.

Uno studio del 2006 (vedi bibliografia completa in calce) ha collegato l'assunzione di tossine industriali col rischio di diabete e successivamente i ricercatori di Harvard hanno determinato che gli inquinanti persistenti (così detti poiché rimangono nell'ambiente - ma anche nel nostro organismo - per decenni), come l'esaclorobenzene, sono fattori di rischio per questa malattia.

Studi successivi hanno dimostrato la stessa cosa, il che ha portato i ricercatori a concludere che "il passato accumulo e la continua esposizione a questi inquinanti persistenti può essere un potente fattore di rischio nello sviluppo del diabete".

L'esaclorobenzene si trova soprattutto in salmone e sardine, assieme ad alti livelli di PCB, secondo quanto determinato da un'indagine nei supermercati statunitensi. Anche se molti di questi composti sono stati vietati già dagli anni '70, essendo essi persistenti si trovano ancora nell'ambiente e continuano ad accumularsi negli animali, e poi negli esseri umani che se ne cibano, per decenni, fino a 75 anni.

Inoltre, dato che il sovrappeso è sempre più diffuso, e che questi composti si accumulano soprattutto nei grassi, ecco che il loro accumulo e tossicità aumenta. In pratica, il nostro grasso corporeo può essere "una fonte continua di esposizione interna, perché questi inquinanti vengono rilasciati dal grasso ed entrano in circolazione".

Altri inquinanti presenti nel pesce sono il mercurio e la diossina: l'esposizione simultanea a questi due elementi aumenta il rischio di sviluppare il diabete.

I contaminanti ormai sono presenti nell'ambiente, non si possono eliminare. Ma si può evitare di consumare gli alimenti che li contengono, cosa non difficile, visto che si accumulano nel grasso degli animali, in particolare dei pesci.

Si sente spesso parlare del consiglio alle donne in gravidanza di evitare il consumo di alimenti come il pesce, che contengono elevati livelli di mercurio e altri inquinanti. Ma, concludono i ricercatori, "visto che queste tossine si bio-accumulano nell'organismo per molti anni, evitare l'esposizione solo durante la gravidanza non proteggerà il bambino e le future generazioni dagli effetti dannosi di queste pericolose sostanze chimiche".

Evitiamo allora di consumare pesce, sempre: non contiene nulla di utile che non si possa trovare nei vegetali e contiene molto di pericoloso.

Fonte:

Dr. Michael Greger, Pollutants in Salmon & Our Own Fat, maggio 2014.

Bibliografia di riferimento

  • R Nakagawa. Concentration of mercury in hair of diseased people in Japan. Chemosphere. 1995 30(1):135 – 140.
  • JW Chang, HL Chen, HJ Su, PC Liao, HR Guo, CC Lee. Simultaneous exposure of non-diabetics to high levels of dioxins and mercury increases their risk of insulin resistance. J Hazard Mater. 2011 185(2 - 3):749 – 755.
  • H Wu, KA Bertrand, AL Choi, FB Hu, F Laden, P Grandjean, Q Sun. Persistent organic pollutants and type 2 diabetes: A prospective analysis in the nurses' health study and meta-analysis. Environ Health Perspect. 2013 121(2):153 – 161.
  • WJ Crinnion. The role of persistent organic pollutants in the worldwide epidemic of type 2 diabetes mellitus and the possible connection to Farmed Atlantic Salmon (Salmo salar). Altern Med Rev. 2011 16(4):301 – 313.
  • DK Lee, PM Lind, DR Jacobs Jr, S Salihoviv, B Van Bavel, L Lind. Polychlorinated Biphenyls and Organochlorine Pesticides in Plasma Predict Development of Type 2 Diabetes in the Elderly. Diabetes Care. 2011 34(8):1778-1784.
  • J Ruzzin. Public health concern behind the exposure to persistent organic pollutants and the risk of metabolic diseases. BMC Public Health. 2012 12:298.
  • J Ruzzin, DH Lee, DO Carpenter, DR Jacobs Jr. Reconsidering metabolic diseases: The impacts of persistent organic pollutants. Atherosclerosis. 2012 224(1):1 – 3.
  • DH Lee. A strong dose-response relation between serum concentrations of persistent organic pollutants and diabetes: Results from the National Health and Nutrition Examination Survey 1999-2002. Diabetes Care. 2006 29(11):1638 –1644.
  • DH Lee, DR Jacobs, Jr, M Steffes. Association of Organochlorine Pesticides with Peripheral Neuropathy in Patients with Diabetes or Impaired Fasting Glucose. Diabetes. 2008 57(11):3108–3111.
  • D Mozaffarian, P Shi, JS Morris, P Grandjean, DS Siscovick, D Spiegelman, FB Hu. Methylmercury exposure and incident diabetes in U.S. Men and women in two prospective cohorts. Diabetes Care. 2013 36(11):3578 – 3584.
  • A Schecter, J Colacino, D Haffner, K Patel, M Opel, O Päpke, L Birnbaum. Perfluorinated compounds, polychlorinated biphenyls, and organochlorine pesticide contamination in composite food samples from Dallas, Texas, USA. Environ Health Perspect. 2010 118(6):796 – 802.

Hai trovato utile questo articolo?

  • Condividilo con gli altri:

  • Per ricevere un mail quando vengono pubblicati nuovi articoli, e ricevere materiali gratuiti in PDF, iscriviti al sito.

  • Scarica i materiali gratuiti su argomenti simili:

Indice del blog